Informatica Generale, Microsoft, Recensioni, Sicurezza Informatica

Bye Bye Windows 7 : EOL!

Quando è stato rilasciato Windows 7, il 22 ottobre 2009, Microsoft si è impegnata a fornire 10 anni di supporto tecnico.
Questo periodo di 10 anni è ormai terminato e Microsoft ha interrotto il supporto in modo da potersi concentrare sulle tecnologie più recenti e sulle nuove user-experiences.

Il giorno specifico del fine-supporto per Windows 7 è stato il 14 gennaio 2020, data dalla quale l’assistenza tecnica e gli aggiornamenti software di Windows Update, che ti permettono di proteggere il PC, non sono più disponibili per il prodotto.

Microsoft (e non solo) consiglia vivamente di passare a Windows 10 per evitare che, in caso di bisogno, l’assistenza o il supporto non siano più disponibili.

Cosa comporta la fine del supporto ?

Come detto, dopo il 14 gennaio 2020 i PC in cui è in esecuzione Windows 7 non riceveranno più gli aggiornamenti della sicurezza, pertanto, è importante eseguire l’aggiornamento ad un sistema operativo moderno, ad esempio Windows 10, che può fornire gli ultimi aggiornamenti per mantenere i tuoi dati più sicuri.

Cosa si può fare?

Alla maggior parte degli utenti di Windows 7 conviene passare a un nuovo dispositivo con Windows 10, in virtù del fatto che i moderni PC sono più veloci, leggeri, ma anche potenti e più sicuri e con un prezzo medio considerevolmente inferiore rispetto a quelli di 10 anni fa.
E’ sicuramente possible anche effettuare l’upgrade del proprio PC a Windows 10 anche se non è da sottovalutare il salto tecnologico che in questi anni è stato abbastanza notevole.
E’ importante sapere però che l’aggiornamento del software ha un costo (quello della licenza completa del sistema operativo) e nel complesso quindi è conveniente acquistare un nuovo dispositivo, tecnologicamente al passo e con incluso il sistema operativo.

Ma l’aggiornmento gratuito?

L’offerta di aggiornamento gratuito a Windows 10 c’è stata per svariati mesi ed è scaduta il 29 luglio 2016.
Per ottenere l’aggiornamento a Windows 10 l’utente sarà costretto ad acquistare un nuovo dispositivo o, se ha un PC compatibile, una versione completa del software per aggiornare il dispositivo esistente. Il consiglio è di non installare Windows 10 in un dispositivo meno recente poiché alcuni dispositivi Windows 7 non sono compatibili con Windows 10 o potrebbero offrire una disponibilità ridotta delle funzionalità.

Che cosa accade se continuo a usare Windows 7?

Continuare ad usare Windows 7 dopo il termine del supporto, sarà possibile, ma il PC (e di conseguenza i suoi dati) sarà più vulnerabile ai rischi per la sicurezza e ai virus e non riceverà più da Microsoft gli aggiornamenti software, inclusi gli aggiornamenti della sicurezza, oltretutto piano piano anche le periferiche integrate e quelle esterne comincieranno a patire il fatto di non ricevere aggiornamenti (la maggior parte dei vendor manda gli update dell’hardware attraverso i Windows Update).

Internet Explorer continuerà a essere supportato in Windows 7?

Anche il supporto per Internet Explorer su un dispositivo Windows 7 è stato interrotto il 14 gennaio 2020.
In quanto componente di Windows, Internet Explorer segue il ciclo di vita del supporto del sistema operativo Windows su cui è installato.